News

Interramento delle anfore: una due giorni anche per conoscere le tradizioni della Georgia e dell’Armenia. Ma anche dell’Italia

blankLa Convention La Terracotta e il Vino (Impruneta, 19-20 Novembre 2016) con il suo palcoscenico nazionale e internazionale di produttori dal mondo, darà la possibilità a critici, degustatori, appassionati e conoscitori di vini in anfora di assaggiare etichette provenienti anche da regioni d’oltreoceano dove viticoltori coraggiosi hanno intrapreso una scelta d’eccellenza. L’affinamento del vino in anfora è pratica antica che in Georgia trova le sue origini più lontane. Attraverso un viaggio immaginario che dal Caucaso porterà fino a Impruneta, avremo la possibilità di degustare nella due giorni dell’evento, vini georgiani e vini armeni con la presenza nell’antica Fornace Agresti dell’azienda di Tbislisi, Gotsa Wines e dell’azienda armena, Zorah Wines.

Durante la manifestazione ascolteremo le esperienze di vinificazione di viticoltori georgiani che utilizzano i tradizionali recipienti in terracotta denominati qvevri, totalmente interrati. O quelle di produttori armeni che utilizzano anfore antiche recuperate che spesso per i 3/4 della loro lunghezza vengono interrate. Quella dell’interramento è tradizione, però, non solo tipica della Georgia e dell’Armenia: anche i produttori italiani che affinano in terracotta, interrano le anfore in cantina, al coperto. 

Le anfore interrate della foto si trovano nella cantina della Tenuta Casadei a Suvereto, in Toscana (foto di Sergio Bettini).

Leggi di più sul sito di Artenova Terrecotte

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi